Riconoscere il sesso del tuo octodon

Non c’è niente di più carino dei piccoli cincillà. Tuttavia, non nascono così facilmente. L’allevamento di questo roditore è un processo lungo e pericoloso, dove si rischia di guadagnare uno stormo di cincillà tanto quanto di perdere la femmina. Non è una scelta da fare in fretta. Bisogna soppesare i pro e i contro e poi seguire attentamente ogni passo. Possiamo aiutarvi in questo.

  • Allevamento solo per allevatori
  • Una cucciolata all’anno
  • Essere consapevoli dell’incompatibilità di coppia
  • Conoscere la storia della coppia

Quando lei partorisce, la tua cincillà femmina può avere fino a 4 bambini nella sua cucciolata. Tuttavia, la media è di solito intorno ai 2 o 3. Non è un atto banale rimanere incinta e dare alla luce dei bambini. Soprattutto per questa specie, che può soccombere in molti punti durante il processo. I rischi non sono piccoli. Bisogna essere pronti a perdere tutto, ma non ad essere catastrofici. Inoltre, il tasso di mortalità dei neonati è di circa il 10%. Un bambino su 10 non nasce.

Regole da conoscere

Prima di iniziare ad allevare i cincillà, è indispensabile conoscere alcune regole. Vi aiuteranno a capire meglio la futura gravidanza della vostra femmina.

  • Solo allevatori

Solo allevatori

Se sei un privato, ti consigliamo di non allevare cincillà. Questo è particolarmente vero perché causa molti problemi. Inoltre, gli allevatori garantiscono la conservazione della specie, la sua crescita e la sua qualità. L’allevamento eccessivo può portare alla degenerazione della razza attraverso la consanguineità, le malattie ereditarie, i disturbi comportamentali, ecc.

  • Una cucciolata all’anno

Una cucciolata all’anno

La vostra cincillà femmina è un roditore fragile. Partorire nelle condizioni sbagliate può essere fatale per lei. Pertanto, non dovrebbe rimanere incinta più di una volta all’anno. Oltre a questo, la sua salute sarà a rischio. È consigliabile separare la femmina dal maschio una decina di giorni prima del parto, poi lasciarli separati per diverse settimane. A parte la salute della vostra femmina, la moltiplicazione delle cucciolate tende a rendere i bambini stentati, in cattiva salute a causa di diverse carenze.

  • Attenzione all’incompatibilità di coppia

Attenzione all’incompatibilità di coppia

È la femmina che decide se accoppiarsi o meno con il maschio. Come per gli esseri umani, non è certo che una coppia duri. Si scopriranno a vicenda, che si aggancino o meno. Se la femmina respinge il maschio, allora i due devono essere separati. Se succede il contrario, potrebbe andare male. Non è insolito che scoppino risse violente. Questo può portare alla morte di uno o entrambi i roditori.

  • Conoscere la storia della coppia

Conoscere la storia della coppia

Per migliorare la qualità della specie, per preservarla e per minimizzare i difetti genetici, le malattie e la consanguineità, è fondamentale conoscere la storia medica della coppia di cincillà. Il futuro della razza dipende da questo. Alcune malattie sono ereditarie e possono danneggiare i vostri futuri bambini. Gli unici cincillà adatti all’allevamento sono quelli con un buon pelo, una buona morfologia e una taglia accettabile.

Fecondazione, quando comincio?

Il tuo cincillà raggiunge la maturità sessuale a 4 mesi per la femmina e a 6 mesi per il maschio. È fuori questione, tuttavia, mettere incinta la tua femmina appena è viva. Infatti, è formalmente sconsigliato che inizi la gravidanza prima del suo primo anno di vita. Il suo corpo, troppo fragile in precedenza, potrebbe non essere in grado di sopportare una gravidanza.

Inoltre, il peso minimo richiesto è di 550 grammi, mai meno. Quando si accoppia, il maschio deve essere più piccolo.

Perché la copulazione abbia luogo, la femmina deve essere in calore. Questo avviene di solito in inverno e in tarda primavera. Quindi, il periodo ideale per la riproduzione va da novembre a maggio. La femmina va in calore per 3 o 4 giorni ogni 28-35 giorni, il che corrisponde al suo ciclo di ovulazione (28 giorni).

La durata della sua gestazione è di circa 110 giorni (poco meno di 4 mesi).

Riconoscere un maschio da una femmina

Da un punto di vista caratteriale, il maschio è spesso meno indipendente della femmina, e forse più adatto al ruolo di cincillà domestico. Se guardiamo i genitali, possiamo vedere che il maschio ha uno spazio di circa un centimetro tra l’ano e il pene. Al contrario, la femmina ha tutto incollato. Questo sessaggio è possibile fin dai primi minuti di vita di un cincillà, poiché non cambia sesso durante la sua vita.

Accoppiamento

L’accoppiamento può avvenire solo durante il periodo di calore (estro) della femmina. Si può vedere una vulva aperta, rossa e leggermente gonfia. Da parte sua, il maschio cercherà con tutti i mezzi possibili di entrare in contatto con la sua conquista. La inseguirà intorno alla gabbia. Per questo è importante separarli se la femmina si rifiuta.

L’incontro non dovrebbe avvenire pochi giorni prima dell’accoppiamento. In molti cincillà, la coppia si forma durante tutto l’anno. Prima dell’accoppiamento, il maschio e la femmina si conoscono da almeno diverse settimane. Naturalmente, questo rende l’incontro più facile se sono giovani piuttosto che vecchi.

L’accoppiamento, o copulazione, avviene di solito di notte. I preliminari non sono molto lunghi, e la penetrazione è molto rapida, non superando mai i dieci secondi. Per ottenere questo, il maschio si mette in mostra sulla schiena della sua compagna ricettiva e muove il bacino avanti e indietro. Poi, alla fine dell’atto stesso, i due animali si puliscono i genitali.

Una spina di accoppiamento è visibile il giorno dopo per indicare che un accoppiamento ha avuto luogo. È bianco e lungo da 2 a 3 cm. Questa spina viene rapidamente espulsa dalla vagina della femmina dopo la copulazione.

Gestazione

Durante le prime settimane di gravidanza la vostra femmina non mostrerà alcun segno che sta aspettando dei bambini. Infatti, inizia a prendere peso solo a partire dalla settima settimana. Il tasso è da 20 a 30 grammi a settimana. Per essere sicuri, vi consigliamo di optare per la soluzione della pesatura e non per la palpazione, perché potreste uccidere i feti. Inoltre, è possibile vedere un aumento delle dimensioni dei capezzoli.

Durante la gestazione il maschio può stare con la femmina. Tuttavia, dovrà essere tenuto in disparte per circa 10 giorni prima del parto e per circa 6 mesi dopo. Una volta che i piccoli sono nati, la femmina va immediatamente in calore. La tua femmina ha bisogno di riposare. Inoltre, bisogna fare attenzione a rimuovere il terriccio da bagno in modo che i granelli di sabbia non entrino nella vagina della femmina e causino un’infezione.

Parto

Prima di questa fase, dovrai preparare un piccolo nido in cui la tua femmina si stabilirà per dare alla luce la sua cucciolata. Il parto avviene di solito durante la notte o la mattina presto. Non dura molto a lungo (una o due ore al massimo). La tua femmina dà alla luce dei piccoli che sono già pelosi e hanno gli occhi aperti. I neonati pesano tra i 40 e i 60 grammi.

Per circa dieci giorni si nutrono esclusivamente di latte materno. È quindi importante assicurarsi che alla vostra femmina non manchi il latte. A partire dal decimo giorno, i cincillà possono mangiare fieno. Lo svezzamento del cibo viene fatto intorno all’ottava settimana. Tuttavia, è fuori questione separare i bambini dalla loro madre prima dei 2 mesi. In ogni caso, i maschi e le femmine dovrebbero essere separati dalla cucciolata prima del quarto mese. Questo è il momento in cui le femmine hanno raggiunto la maturità sessuale.

Leggi anche: Riconoscere il sesso del tuo cincillà

In sintesi

Allevare cincillà è un affare rischioso e non per tutti. Dovrebbe essere limitato agli allevatori professionisti. I privati dovrebbero evitarlo, per non mettere in pericolo la razza e la qualità della specie. Purtroppo, non è raro che i cincillà con scarsa vitalità (malattie genetiche, difetti, inbreeding) si riproducano.

Soprattutto, il periodo tra l’incontro tra maschio e femmina e la gestione può a volte inacidirsi. La coppia deve essere già d’accordo per accoppiarsi, e ci vuole del tempo prima che lo facciano davvero. In secondo luogo, perché la femmina deve evitare di rimanere incinta prima del suo primo anno di vita. In ogni caso, deve pesare almeno 550 grammi ed evitare di avere un maschio più grande di lei. Infine, la sua gravidanza dura quasi 4 mesi e il maschio deve essere separato da lei quando sta per partorire. Non deve rimanere incinta in seguito, per non compromettere la sua salute.

Related Stories

Llegir més:

Quanto pane dare al cane?

Anzi, il pane rifatto oltre ad essere un passatempo per il cane e un...

Quanti anni ha il gatto più vecchio del mondo?

Secondo il Guinness dei Primati il gatto più vecchio del mondo sarebbe Corduroy, 26...

Come si accarezza un gatto?

Sotto al mento, dietro le orecchie e in fondo alla schiena alla base della...

Come evitare che il gatto rompa le zanzariere?

Una delle soluzioni più efficaci è scegliere una rete spalmata in PVC, materiale sintetico...

Come favorire la crescita del pelo del cane?

Il nostro consiglio è quello di associare al Pelo-Pet gli acidi grassi omega-3 (in...

Come capire se il gatto ha mangiato troppo?

La polifagia a lungo termine può avere un effetto profondo sul gatto. Si consiglia...