Cosa mangia un topo?

Il furetto è un animale intrepido capace di ferirsi facilmente. Spinto dalla sua curiosità, questo piccolo mustelide avventuroso a volte si mette involontariamente in pericolo. Quali sono gli incidenti più comuni dei furetti nell’ambiente domestico e come si possono evitare?

Furetti: attenzione alle cadute!

Si sa che i furetti amano correre e arrampicarsi. Tuttavia, non sempre capiscono i pericoli.

Purtroppo, molti furetti sono morti cadendo dalle finestre. Quando il furetto è presente, assicurati che tutte le prese d’aria siano chiuse. I furetti sono molto veloci e potreste vederli precipitare nel vuoto senza poterli prendere…

Altre cadute, meno gravi ma comunque pericolose, sono comuni nei furetti. Infatti, il vostro piccolo compagno non esiterà ad arrampicarsi sui mobili, negli armadi, sopra il frigorifero, sul bancone della cucina… Così tanti posti che possono essere pericolosi!

Quando un furetto cade, può ferirsi: emorragie, fratture, anche un trauma cranico, le conseguenze sono molte.

Se il vostro animale domestico è in condizioni gravi, dovreste andare dal veterinario il prima possibile. Lo stesso vale se l’animale zoppica, non si comporta normalmente o sembra soffrire senza sapere perché.

Tuttavia, se è solo una piccola bua, si può facilmente trattare con un po’ di cotone idrofilo e acqua ossigenata.

Ingestione di corpi estranei: un problema comune dei furetti

Il furetto è un vero buongustaio. Anche se sono strettamente carnivori, possono ingerire sostanze non commestibili per curiosità. Per evitare incidenti, si consiglia di non lasciare in giro piccoli oggetti o ingredienti pericolosi.

I furetti amano raccogliere le cose intorno a loro. Come un vero bambino, gli bastano pochi secondi per metterli in bocca. Naturalmente, il rischio principale è il soffocamento! Se l’animale non può più respirare, si tratta ovviamente di un’emergenza pericolosa per la vita.

Di fronte a un furetto che soffoca, è importante conoscere le procedure di primo soccorso. È necessario massaggiare delicatamente la gola e i polmoni dell’animale con un dito, seguendo la direzione della trachea. L’obiettivo è quello di permettere l’espulsione del corpo estraneo.

Anche se non c’è pericolo di vita, tosse, difficoltà respiratorie, vomito ripetuto, letargia, stitichezza dovrebbero essere motivo di preoccupazione e richiedere una visita urgente dal veterinario. Possono essere il segno di un’ostruzione intestinale o di un oggetto bloccato da qualche parte.

Annegamento, ustioni e folgorazione

La vita in casa è piena di pericoli per i nostri piccoli amici pelosi. Questo è il motivo per cui i furetti dovrebbero essere portati fuori sempre sotto supervisione. Purtroppo, nonostante tutta la buona volontà del mondo, a volte non si può controllare tutto…

Tra gli incidenti più comuni ci sono naturalmente l’annegamento, le ustioni e la folgorazione. I furetti possono facilmente toccare le prese elettriche, avvicinarsi troppo a una vasca da bagno piena d’acqua o calpestare accidentalmente le piastre di cottura calde… Il risultato: l’infortunio è quasi inevitabile. A volte può essere anche molto grave.

Per evitare queste situazioni disastrose, ecco alcuni consigli: mettete dei copri-spina in tutte le prese elettriche a cui il vostro animale può accedere. Non dimenticate che i furetti amano arrampicarsi, quindi possono anche accedere alle prese alte. Inoltre, non tirate fuori il vostro furetto dalla gabbia quando state cucinando, pulendo o facendo il bagno. Quando il tuo furetto è libero, dovresti essere completamente disponibile per sorvegliarlo. Se non lo siete, assicuratevi di offrirgli una piccola ma sicura area della casa.

Il furetto e l’intossicazione alimentare

A causa della loro leggendaria avidità, anche i furetti possono prendere un’intossicazione alimentare. Questo di solito si verifica quando l’animale ingoia qualcosa di commestibile ma non adatto al suo sistema digestivo.

Leggi anche: Il tuo furetto deve essere sterilizzato?

Questo può includere dolci, prodotti industriali zuccherati, cioccolato, ma anche piante tossiche come linfa, iris, begonia o oleandro.

Si noti che maggiore è la quantità di prodotto ingerita, maggiore è il rischio di avvelenamento.

I segni dell’intossicazione alimentare possono essere vari: diarrea, vomito, tremore, stanchezza intensa e anche convulsioni nei casi più gravi. Di fronte a questi sintomi, dovete consultare urgentemente il vostro veterinario.

Related Stories

Llegir més:

Quanto pane dare al cane?

Anzi, il pane rifatto oltre ad essere un passatempo per il cane e un...

Quanti anni ha il gatto più vecchio del mondo?

Secondo il Guinness dei Primati il gatto più vecchio del mondo sarebbe Corduroy, 26...

Come si accarezza un gatto?

Sotto al mento, dietro le orecchie e in fondo alla schiena alla base della...

Come evitare che il gatto rompa le zanzariere?

Una delle soluzioni più efficaci è scegliere una rete spalmata in PVC, materiale sintetico...

Come favorire la crescita del pelo del cane?

Il nostro consiglio è quello di associare al Pelo-Pet gli acidi grassi omega-3 (in...

Come capire se il gatto ha mangiato troppo?

La polifagia a lungo termine può avere un effetto profondo sul gatto. Si consiglia...