Alloggiare il tuo cavallo a casa

Stai per diventare proprietario del tuo cavallo e stai esitando a prenderlo? È una grande idea e il sogno di molti piloti. Se avete il terreno necessario per ospitare il vostro compagno, il vostro progetto potrebbe diventare realtà! Tuttavia, avete pensato a tutti gli aspetti di un soggiorno in casa? Mentre questa soluzione abitativa ha molti vantaggi, può anche essere la causa di molte delusioni. Allora, come si fa ad alloggiare il proprio cavallo a casa? Scopri tutti i nostri consigli ora!

  • Quanto spazio dovresti avere per il tuo cavallo a casa?
  • Stallaggio o pascolo?
  • La presenza di un amico
  • Cosa dare al tuo cavallo
  • Gestire le razioni
  • Uno spazio di lavoro a tua disposizione
  • Affrontare
  • Gestire la cura preventiva del cavallo

Fornire un ambiente adatto al cavallo

Portare un cavallo in casa non è qualcosa che si può improvvisare. Affinché il cavallo abbia una buona vita, l’ambiente offerto deve essere adatto alle sue esigenze.

Quanto spazio dovresti fornire al tuo cavallo a casa?

Avere un cavallo in casa significa poterlo ospitare. Per fare questo, dovrai fornire un po’ di spazio esterno, circa 1 ettaro per ogni cavallo.

Più spazio esterno fornisci, più opportunità avrà il cavallo di sfogarsi da solo, e meno lavoro dovrai fare tu. Questa è una considerazione importante, specialmente se stai ritirando il tuo cavallo a casa tua o se non hai il tempo di farlo lavorare ogni giorno.

Inoltre, meno spazio hai a disposizione per il tuo cavallo, più lavori di manutenzione dovrai fare. Dovrai raccogliere più letame se il tuo cavallo ha meno spazio. Questo è essenziale per ridurre al minimo l’insorgenza di problemi intestinali e per mantenere al minimo l’infestazione di insetti.

Inoltre, calpestando certe zone, l’erba smetterà di crescere e si potrà formare del fango in caso di pioggia… E in questo caso, attenzione alla rogna del fango!

Alloggiamento in scatola o al pascolo?

Hai lo spazio per ospitare il tuo cavallo in casa? Eccellente! Ora devi pensare a come sistemare il tuo cavallo. Avete bisogno di un box? Il tuo pascolo è abbastanza grande perché il tuo cavallo possa viverci tutto l’anno?

Per trovare la risposta a queste domande, pensa alla zona in cui vivi. Il tuo cavallo affronterà un inverno rigido e nevoso se vivi nella Francia orientale? Chiediti anche come viveva il tuo cavallo prima. Era in una stalla o in un prato? Sarà in grado di adattarsi al suo nuovo stile di vita? Inoltre, ha bisogno di cure regolari? Se il tuo cavallo è malato o ferito, sarà utile metterlo nella stalla per il trattamento, per esempio.

Se scegli di tenere il tuo cavallo in un prato, considera di fornire almeno un riparo che sia chiuso su tre lati per permettergli di ripararsi in caso di maltempo. Anche se non è essenziale, si può isolare il pavimento del rifugio e metterci sopra della paglia per renderlo più confortevole.

Se hai intenzione di ospitare il tuo cavallo nella tua stalla, allora dovrai fornire una lettiera adatta alle esigenze e alla salute del tuo cavallo. Ha problemi respiratori o coliche regolarmente? Allora dovresti metterlo su una targa. Se il tuo cavallo non ha patologie particolari, anche la paglia è molto adatta.

Buono a sapersi: Qualunque lettiera tu scelga, ricorda che oltre allo spazio per il tuo cavallo, avrai anche bisogno di un posto asciutto per conservarla.

Avere un amico

I cavalli sono animali gregari. Se lo portate in casa vostra, avrà bisogno di un compagno. Che sia un secondo cavallo, un asino o un pony, un altro equino sarà necessario per il benessere del tuo animale. Senza compagnia, il tuo cavallo potrebbe diventare rapidamente depresso e morire.

Buono a sapersi: Di nuovo, assicuratevi di avere abbastanza spazio per i vostri animali per garantire il loro benessere. Se non puoi ospitare due cavalli in casa tua, prendi una capra. Cavalli e capre possono essere ottimi compagni l’uno dell’altro.

Cosa bisogna dare da mangiare a un cavallo alloggiato?

Quando un cavallo è alloggiato nella scuderia di un proprietario o in un’altra struttura equestre, di solito non è tua responsabilità alimentare il tuo cavallo. Questo è un compito importante che viene svolto da un professionista. Se vuoi ospitare il tuo cavallo, allora devi sapere come alimentarlo correttamente.

Alimentazione del tuo cavallo

Uno dei principali alimenti che dovresti dare a un cavallo che vive in casa è il fieno.

Che si scelga il fieno di Crau, il fieno di prato o il fieno di erba medica, la cosa principale è imparare a valutare la qualità. Un foraggio scadente non nutrirà adeguatamente il tuo cavallo.

Per evitare che il tuo cavallo sviluppi problemi respiratori, che possono avere conseguenze disastrose, devi assicurarti che il fieno che scegli non sia ammuffito o polveroso, e che non contenga piante tossiche per la salute del tuo cavallo.

Si dovrebbe anche guardare il valore nutrizionale del fieno che si sceglie. Il tuo cavallo ha bisogno di fieno ricco? Scegliete il fieno raccolto all’inizio della stagione: lo riconoscerete dal suo colore più verde, dalla finezza dei suoi steli e dal numero di foglie che contiene. Evitare di comprare fieno di colore grigio o marrone, con un odore sgradevole e con steli spessi.

Dare al tuo cavallo del fieno di buona qualità è essenziale per la sua salute! Non esitate a istruirvi sull’argomento e cercate un consiglio professionale se non siete sicuri.

Buono a sapersi: Per preservare la qualità del tuo fieno, ricordati di metterlo in un luogo protetto dall’umidità, idealmente su pallet per isolarlo dal terreno. L’ideale sarebbe trovare un agricoltore vicino a voi che possa fornirvi del fieno. Puoi anche usare un fornitore che ti consegnerà il fieno regolarmente in modo che tu debba conservarlo solo per 2-3 mesi a casa. In ogni caso, lo stoccaggio e la dimensione delle balle e gli strumenti per la loro manipolazione devono essere attentamente considerati.

Oltre al fieno, puoi dare al tuo cavallo del grano, specialmente se è un cavallo sportivo. Tuttavia, questo mangime è opzionale: non tutti i cavalli ne hanno bisogno.

Che sia come ricompensa o meno, i cavalli sono ghiotti di carote e mele. Dateli in quantità ragionevoli. Allo stesso modo, i cavalli sono roditori: permettete loro di rosicchiare il legno, avendo cura di tenerli lontani da piante e alberi che sono tossici per loro.

Gestione della razione

In media, un cavallo mangia tra 8 e 12 kg di fieno ogni giorno. In natura, i cavalli mangiano tutto il giorno. Per rispettare il suo modo di funzionamento e permettergli di avere un buon transito, dividete la quantità giornaliera di fieno in diversi pasti da 2 a 3 kg. Questo impedirà al tuo cavallo di mangiare la paglia o di sviluppare tic dovuti alla noia se ha la possibilità di mangiare tutto il giorno. Soprattutto se non vive al pascolo!

Anche il grano dovrebbe essere diviso in diverse porzioni. Lo stomaco del cavallo è piccolo, per questo è importante distribuire il grano in due o tre pasti. Non dare mai al tuo cavallo più di 4L di grano alla volta.

Non dimenticare di fornire al tuo cavallo molta acqua fresca e di rinnovarla appena necessario. Ricordate anche che in inverno l’acqua può congelare a seconda della temperatura. Si può investire in un abbeveratoio automatico per una gestione più facile, o in grandi bidoni o vecchie vasche. In quest’ultimo caso, dovrete riempirli regolarmente, pulirli in estate per evitare la formazione di alghe e controllarli in inverno per evitare che l’acqua si congeli.

Mantenere il tuo cavallo correttamente

Uno spazio di lavoro

Hai un cavallo sportivo? Se vuoi ospitare il tuo cavallo, bisogna anche affrontare la questione del suo spazio di lavoro. Se hai un’arena, un piccolo maneggio o un’area di lavoro dedicata nel tuo pascolo, questo è perfetto. Se non ne hai ancora uno, dove lavorerai il tuo cavallo per mantenere il suo fisico?

Ci sono due opzioni:

  • o fai costruire le tue strutture
  • o compri un furgone o un piccolo camion e trasporti il tuo cavallo in una struttura professionale che noleggerai per l’occasione.

Nel primo caso, dovrete probabilmente spendere molti soldi per costruire le strutture che volete. Il grande vantaggio? Sarai veramente indipendente e potrai lavorare il tuo cavallo a casa come desideri. Non sarai dipendente da nessuno.

Nel secondo caso, dovrai prenotare le strutture di qualcun altro prima di andarci a lavorare il tuo cavallo. Questa soluzione è meno vantaggiosa se si sogna l’indipendenza, ma è più adatta ai piccoli budget. Tuttavia, richiede l’acquisto di un trasporto per spostare facilmente il tuo cavallo.

Affrontare i problemi di salute

Se porti il tuo cavallo a casa tua, dovrai prenderti cura di lui in ogni circostanza, anche se sviluppa una condizione inaspettata o una ferita.

Siate proattivi e chiedete al vostro veterinario se può viaggiare nella vostra zona in caso di emergenza. In generale, prima di trasferire il tuo cavallo a casa tua, controlla che tu possa trovare senza problemi un veterinario, un maniscalco o anche un osteopata.

Inoltre, in caso di emergenza, potrebbe essere necessario portare il tuo cavallo in ospedale. In questo caso, è necessario essere in grado di spostarlo rapidamente. Piuttosto che farsi prendere dal panico quando arriva il momento, sii preparato! Procurati un furgone o un camion, o assicurati di poterne noleggiare o prendere in prestito uno senza problemi se ne hai bisogno.

Infine, devi essere in grado di dare al tuo cavallo il primo soccorso, perché non sempre potrai contare sull’aiuto di qualcun altro. Dovresti anche avere sempre un kit completo di pronto soccorso nelle vicinanze se decidi di ospitare il tuo cavallo!

Buono a sapersi: Considera la possibilità di creare uno spazio o un’area dedicata alla doccia per il tuo cavallo. Che si tratti di un cavallo in pensione o di un cavallo sportivo, probabilmente ad un certo punto avrai bisogno di fargli una doccia agli arti.

Gestire le cure preventive del tuo cavallo

Sia che tu alloggi il tuo cavallo in una scuderia o a casa, la maggior parte delle cure preventive che devono essere fatte sono solitamente gestite dal proprietario. Tuttavia, si dovrebbe essere consapevoli dei costi aggiuntivi coinvolti.

Per esempio, dovrete pensare alle vaccinazioni (compreso il vaccino antinfluenzale), alla sverminazione stagionale e ai maniscalchi.

Leggi anche: Cambiare il tuo cavallo da pensione

Buono a sapersi: Nessun altro penserà a questa cura per te. Per renderlo più facile da gestire, considerate di includerlo in un programma annuale. Avrete una migliore visibilità e sarete in grado di gestire meglio il vostro budget.

Cavalli a casa: gestire le assenze

Prima di portare a casa il tuo cavallo, c’è un’ultima cosa a cui devi pensare. Come ti prenderai cura del tuo cavallo se sei via per lavoro o in vacanza?

Anche se non sei presente, il tuo cavallo dovrebbe comunque essere in grado di mangiare, bere e uscire se è in un box. Dovresti esserne consapevole prima di fare il grande passo!

Di nuovo, pensa in anticipo! Trova qualcuno di cui ti fidi che possa venire a visitare il tuo cavallo e occuparsi di lui in tua assenza. Puoi anche mettere il tuo cavallo in una stalla vicino a casa tua durante le vacanze. Vi godrete di più il tempo e lo farà anche lui!

Ora hai tutte le informazioni necessarie per far sentire il tuo cavallo a casa nel miglior modo possibile. Avere un cavallo in casa richiede molta pianificazione. Tuttavia, se ti senti in grado di gestire la sua presenza quotidiana e vuoi fare il grande passo, credici o no: il sogno è alla tua portata!

Artículo anteriorLinguaggio del corpo del coniglio
Artículo siguienteYouyou senegalese

Related Stories

Llegir més:

Quanto pane dare al cane?

Anzi, il pane rifatto oltre ad essere un passatempo per il cane e un...

Quanti anni ha il gatto più vecchio del mondo?

Secondo il Guinness dei Primati il gatto più vecchio del mondo sarebbe Corduroy, 26...

Come si accarezza un gatto?

Sotto al mento, dietro le orecchie e in fondo alla schiena alla base della...

Come evitare che il gatto rompa le zanzariere?

Una delle soluzioni più efficaci è scegliere una rete spalmata in PVC, materiale sintetico...

Come favorire la crescita del pelo del cane?

Il nostro consiglio è quello di associare al Pelo-Pet gli acidi grassi omega-3 (in...

Come capire se il gatto ha mangiato troppo?

La polifagia a lungo termine può avere un effetto profondo sul gatto. Si consiglia...