Adottare un gatto maschio

Adottare un gatto maschio comporta alcuni aspetti molto specifici che è importante conoscere. Questi includono problemi di salute e la presenza di un altro gatto (e il suo sesso) nella famiglia. Cosa dovete sapere se state pensando di adottare un gatto maschio?

Il sesso del gatto determina, in una certa misura, il suo comportamento. Tuttavia, anche se il gatto maschio è comunemente descritto come più aggressivo e avventuroso della femmina, i tratti sono più di una generalizzazione e dipendono principalmente dall’individuo e dalla sua storia personale.

Pericoli e malattie che il gatto maschio può affrontare

La vita media di un gatto maschio è di circa 13 anni, 2 anni in meno di quella di un gatto femmina. Bisogna anche notare che l’aspettativa di vita di un gatto maschio castrato è più alta.

Questo si spiega, tra l’altro, con il fatto che i gatti sono più propensi a combattere, a scappare e quindi ad esporsi al rischio di incidenti. Inoltre, alcune malattie sono specifiche dei gatti maschi o appaiono in loro più frequentemente o in forme più gravi. Questo è il caso delle malattie del tratto urinario inferiore, dove si formano cristalli che ostruiscono il passaggio dell’urina attraverso l’uretra, che è più stretta nel gatto maschio.

In sintesi, quindi, adottare un gatto maschio significa che l’animale vivrà potenzialmente con voi per un tempo più breve.

Adottare un gatto maschio quando ne hai già uno

Hai già un gatto maschio e pensi di adottarne un secondo? I due gatti possono andare d’accordo e vivere insieme, ma solo se ci si prepara bene all’arrivo del nuovo animale.

Con 2 gatti maschi, c’è ovviamente un rischio di rivalità e quindi di lotta. È quindi essenziale stabilire una gerarchia e separare le loro risorse (ciotole, cesti, ecc.).

Adottare un gatto maschio quando si ha un gatto femmina

Il rischio di conflitto è minore (ma non nullo) quando si hanno due gatti di sesso diverso. Tuttavia, se volete adottare un gatto maschio quando avete già un gatto femmina, questo non vi esime da un minimo di preparazione per garantire che le introduzioni vadano bene.

Inoltre, se non volete che questa futura coppia si riproduca, dovrete sterilizzarla.

Sterilizzazione del gatto maschio

Nel caso di un gatto maschio, si parla di castrazione. Questa forma di castrazione viene fatta chirurgicamente sul gatto. I testicoli vengono semplicemente rimossi dall’animale.

Ci sono vari argomenti a favore della castrazione dei gatti, tra cui i seguenti:

Leggi anche: Adottare un gatto femmina

  • Innanzitutto, un gatto castrato sarà meno propenso a marcare il suo territorio, principalmente urinando su mobili, pareti, ecc.
  • In secondo luogo, un gatto maschio castrato eviterà l’inconveniente delle femmine che vanno in calore. Non essendo più sensibile al richiamo di quest’ultimo, sarà meno incline a scappare e a lottare con i suoi simili dello stesso sesso che percepisce come rivali nella conquista di un partner. Il rischio di lesione associato al conflitto e alla scorribanda è significativamente ridotto.

Adottare un gatto maschio può quindi significare anche farlo castrare, se non si desidera avere una cucciolata di gattini.

Artículo anteriorCane Levriero ungherese
Artículo siguienteCane Cane da montagna bernese

Related Stories

Llegir més:

Verdure che possono mangiare conigli – elenchi e consigli!

I conigli sono animali domestici molto apprezzati dalla popolazione, ma se decidiamo di...

Trattamento della flegite per cani

La flebite è l'infiammazione di una vena. Di solito è causato da un'altra...

Sintomi e trattamento della malattia delle zecche nei cani

Probabilmente hai sentito parlare di "malattia delle zecche", che è abbastanza comune nei...

I sintomi della malattia di Addison nei cani

La preoccupazione per gli animali domestici è qualcosa che accomuna molte persone in...

Sintomi di cistite nei cani – 4 passi

La cistite è una malattia più comune di quanto pensiamo nei cani e...

Sintomi di empacho nei cani e come curarlo

Anche i cani, proprio come gli esseri umani, possono soffrire di indigestione o...